La top 3 dei peggiori corsi preparto.

99ee985672e3c28e9988dfc80dcb4ae4
Un corso preparto negli anni ’40

Lo avevamo gia’ scritto qui, scopriamo di essere incinta e scatta il pensiero “qualcuno faccia qualcosa!”. Con un po’ di fortuna, il qualcuno-faccia-qualcosa lascia presto il posto al devo-fare-qualcosa-io. Bene, ma cosa? Per molte di noi, la risposta ovvia, intuita se non data per scontato, e’ “Un corso preparto”.

Giustissimo. E anche sbagliatissimo. Dipende.

Corso preparto in se’ vuol dire poco. Ce ne sono di ogni genere e specie.

Corso preparto implica per definizione una posizione in cui qualcuno che sa insegna a chi non sa. Ed e’ una posizione pericolosa: perche’ da una parte sappiamo tutte -o dovremmo saperlo- che le donne sanno partorire e i bambini sanno nascere. Dall’altra sappiamo che spesso non sanno di saperlo. In un circolo esplosivo di sapienza originaria sopita e terrore dell’ignoto. Dietro cui sta sempre in agguato la tentazione di lasciar fare a chi ne sa piu’ di noi.

E la cosa e’ ancor piu’ grave: in molti corsi preparto sono rimaste impigliate quelle strutture folkloristiche di cui una donna in attesa deve urgentemente liberarsi. Quelle strutture culturali che la mettono in posizione di subordinazione e necessita’. Rendendola dipendente dai vari fattori esterni in modo passivo e quasi rassegnato. Quelle strutture mentali per cui il parto e’ ancora una questione femminista, come vi abbiamo detto qui.

E allora ecco la top 3 dei peggiori corsi pre-parto, quelli che quando va bene sono inutili. Quando va male sono dannosi. Ancora troppo diffusi per far finta che non esistano.

1) Il Corso dell’Ospedale (che non e’ il corso di ogni ospedale, attenzione). Quel corso che ti informa principalmente di quali sono le procedure di quel particolare ospedale. Senza parlarti di consenso informato. Quel corso da cui esci sapendo tutto di induzione di routine a 41+3 e nulla delle linee guida dell’OMS. Quel corso che ti dice tutto di quello che fanno e sanno fare loro, e nulla di quello che sai e puoi fare tu. Quel corso tutto all’insegna del “qui ti lasciamo….qui non ti lasciamo”. (Se ti accorgi che il corso dell’ospedale in cui pensi di far nascere il tuo bambino e’ cosi’, vale la pena ricordarti che ci sono anche altri ospedali in Italia.)

2) Il Corso di chi non ci crede. Quel corso in cui tutto sembra cosi’ rassicurante e sotto controllo, ed e’ previsto persino l’intervento di una ginecologa. Che pero’ non ci crede. E dall’alto della sua cattedra rifiuta che possa crederci anche tu. E spende quel poco tempo che ha a disposizione per incitarti a far valere il tuo diritto di avere un’epidurale. L’unico modo, a suo dire, sensato di avere un bambino. Chi desidera un’epidurale deve assolutamente avere il diritto di richiederla, questo e’ un fatto. Ma questo e’ un problema di legislazione e organizzazione, non il tema di quello che dovrebbe essere un corso per metterti alla guida del tuo parto. Chi ti dice che l’unico modo per farlo e’ delegare ad altri, o e’ in cattiva fede o non sa quello che dice. Certamente non e’ un’ostetrica. E certamente e’ il primo a non credere che il tuo corpo sia meraviglioso quanto il tuo bambino. Sicura che sia la persona giusta per insegnarti qualcosa su come diventare mamma?

3) Il Corso di chi ci crede troppo. E vuole convincerti. E’ l’opposto, altrettanto deleterio, del punto 2. Il corso di chi sa gia’ tutto e ha gia’ capito tutto. Anche quello di cui hai bisogno tu. Il corso di chi ti da’ tutte le informazioni sul parto in casa, la nascita lotus o l’incapsulazione della placenta e ti guarda con aria di sufficienza se dici che forse ti senti piu’ a tuo agio in ospedale. E’ il corso di chi scuotera’ la testa emettendo il fumetto “te l’avevo detto” quando una neo mamma verra’ a raccontare di aver subito un’episiotomia o quasiasi altro intervento medico. Strumenti pratici e critici per un’interazione consapevole con il personale ospedaliero? Non pervenuti.

Cosa hanno in comune questi 3 corsi? Sono diffusi. Piu’ di quanto non sembri. E sono subdoli: perche’ si cammuffano dietro nomi, loghi, istituzioni altamente qualificate. Di quelle che ti fanno pensare: gli esperti sono loro. Sapranno cosa fare. Il qualcuno-faccia-qualcosa di cui all’inizio del post e’ uscito dalla porta per rientrare dalla finestra del corso preparto.

La buona notizia e’ che i corsi e percorsi meravigliosi ci sono. C’e’ il nostro laboratorio a Milano (che infatti e’ un laboratorio, non un corso, perche’ le parole sono importanti e quello di preparazione al parto e’ un lavoro che fai tu) e altri tenuti da altre persone, altrettanto belli e anche di piu’ sparsi per tutta l’Italia. Ma vanno cercati, trovati, presi con senso critico.

Un buon corso preparto non ti guida. Ti mette alla guida.

Annunci

2 thoughts on “La top 3 dei peggiori corsi preparto.

  1. Ciao, sono una doula di Milano e vi leggo spesso.
    Penso di condividere questo bell’articolo per aiutarmi a spiegare gli obiettivi degli incontri a tema che organizzo. Spero vi fidiate 😃

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...