Scarpette di cristallo per la sala parto. Di come la nuova Cenerentola ha molto da dire, anche a una mamma in attesa.

Disney
 

Se ce l’ha fatta Cenerentola possiamo farcela anche noi.

No, non a sposare il principe, dai…Miriamo un po’ più su.

A uscire dal folklore anni ’50 in cui era stata relegata!

Cenerentola ha preso la decisione più saggia per una sessantenne. Ritirarsi in buon ordine e lasciare spazio a quattro post-femministe spennacchiate di cartoni senza principi? Giammai. Invecchiare con grazia, piuttosto.

Riappropriarsi di se stessa e della sua zucca, più romantica e luccicante che mai. Rivendicare, uno per uno, tutti i buoni sentimenti di cui è piena: dando loro senso.


Il modello anni 50 non regge più. E quei geniacci del marketing Disney Cenerentola lo sa.

Stare in cucina a canticchiare tra i topi mentre 3 megere spadroneggiano in casa nostra non è ragionevole. A meno che non sia una scelta a testa alta: per se stessa, la propria casa, e la memoria di genitori amatissimi.

Il nuovo film non porta traccia del sogno, più vuoto che romantico, di sposare un principe. Di quella prospettiva opaca che poneva nel matrimonio (ovviamente con un buon partito) l’unica cosa sperabile e sensata. Qui è amore, e amore vero. E per la prima volta in secoli di favole, il principe annuncia che sposerà la ragazza misteriosa… “se lei lo vorrà”. Era anche ora che smettesse di darlo per scontato.

Soprattutto, nessuna traccia della docilità remissiva di un modello femminile che -vivadio!- non ci appartiene più e soprattutto non vogliamo trasmettere alle nostre figlie. Quella donnina fragile, che assumeva senso e identità solo sul cavallo di un principe, era figlia -lo sappiamo- di una società che alla donna riconosceva scarse competenze e ancor meno diritti. E giustamente la rispecchiava.

Quella stessa società però ha prodotto anche altre cose. Capigliature discutibili che abbiamo fatto passare di moda, per esempio. E la mentalità alla base dei reparti maternità. Quella che ancora molte di noi portano sottopelle come l’unica possibile.

Mentre viveva felice e contenta negli anni ’50 che il castello celava, una volta incinta Cenerentola si sarebbe affidata con gratitudine alle mani virili di chi sapeva più di lei.

Inadeguata con un corpo inadeguato, come ogni donna pre-femminista*, avrebbe partorito a gambe alzate in posizione ginecologica. Le sarebbe parso tanto ineducato far notare come la cosa fosse contraria alla forza di gravità.

Povera inetta senza competenze mediche, avrebbe considerato perfettamente logico e normale essere trattata da malata. Per quanto sana con in grembo un figlio sano.

Avrebbe considerato l’ingresso in ospedale per quello che realmente era: la liberazione da terribili rischi che molte donne avevano corso prima di lei. Non aveva gli strumenti, invece, per riconoscere le falle maschiliste rimaste appiccicate alle strepitose conquiste mediche. Reclamare non solo sicurezza ma anche considerazione emotiva, rispetto E libertà (di movimento, se non anche di scelta) non faceva parte del personaggio.

Il camice non è un cavallo, ma quel bianco resta tanto rassicurante.

La nuova Cenerentola ha un gran motto. E non è (solo) “Sii gentile e abbi coraggio”.

L’amore del principe non lo conquista sbattendo le ciglia, ma quando dichiara: “Le cose si sono sempre fatte così. Non vuol dire si debba sempre farle così.”

Se ce l’ha fatta Cenerentola possiamo farcela anche noi.

E tirare fuori dal folklore anni 50 anche le nostre pance. E i nostri bambini appena nati.

E pure post-femminista -a dire il vero- dato che a quel punto, sotto la puzza dei reggiseni bruciati la gravidanza si è ostinata a rendere impossibile l’uguaglianza completa. Ma questo è un altro post.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...